Ecco la fiera del tartufo bianco e nero a Campoli Appennino

L’Italia è un Paese dove ci sono numerose feste tradizionali da seguire anche nel Lazio. In questa regione abbiamo già visto la sagra delle castagne di Soriano nel Cimino, ma oggi vorremmo parlare della fiera del tartufo bianco e nero di Campoli Appennino che si trova in provincia di Frosinone. Lo abbiamo scoperto sul sito Ilturistainfo.

Il tartufo.
Foto da Ilturista.info.

Campoli Appennino è un borgo che sorge nel cuore dell’Appennino centro-meridonale, un territorio ricco di boschi e vegetazione montana e collinare e dove occupa un posto di rilievo la produzione locale. Infatti, il comune è conosciuto come la città dell’orso e del tartufo.

Il paese fa parte del Parco Nazionale d’Abruzzo, Lazio e Molise e qui il tartufo è un simbolo della tradizione locale e, perciò, non c’è nessun’altra pietanza del posto che non lo usa nella sua preparazione.

Risulta, quindi, del tutto normale che un prodotto di elevata qualità come il tartufo viene usato in qualche fiera e sagra per avere le sue celebrazioni e feste che rinnovano la sua identità trasmettendola alle nuove generazioni.

La fiera nazionale del tartufo bianco e nero di Campoli Appennino è una tra le più interessanti in Italia e l’appuntamento ruota attorno a questo “frutto della terra”, ma ci sono anche degustazioni, stand e assaggi, oltre alla musica popolare, folklore e spettacoli che coinvolgono tutta la comunità e animano il centro storico del borgo.

La fiera giunge quest’anno alla X edizione e si tiene per due fine settimana consecutivi (10-11 novembre e 17-18 novembre 2018) perché è proprio in pieno autunno che il tartufo dà il meglio di sé in quanto a gusto e profumo.

La fiera del tartufo bianco e nero di Campoli Appennino è da seguire assolutamente perché ciò che si assaggia è da leccarsi i baffi in quanto il sapore è unico.

Cosa ne pensate? Ci siete mai stati?

Lascia un commento

Il tuo indirizzo email non sarà pubblicato. I campi obbligatori sono contrassegnati *